Il Realizzatore di Sogni: Il Bambino Magico

creatore di sogni: il bambino magicoCiao Anima bella,

tu lo sai come entrare in una Vita da Favola?!

Prenditi qualche minuto per leggere questo racconto con attenzione perché al suo interno trovi le risposte.

C’era una volta un bambino che sentiva spesso i suoi genitori litigare. I genitori non erano cattivi ma avevano tante divergenze e non riuscivano a contenere i toni delle proprie opinioni ed emozioni, però nel loro strano rituale serale avevano l’accortezza di aspettare che i figli si allontanassero prima di iniziare con i bombardamenti.

Per ogni bambino, almeno fino ad una certa età, i propri genitori sono come due colonne portanti tra le quali sentirsi al sicuro e protetto. Purtroppo così non accadeva per questa creatura particolarmente sensibile che viveva la furia quotidiana che si scatenava, di solito dopo cena, tra le due colonne portanti della sua vita, con paura.

Una sera, dopo cena, questo bambino si trovava come di consueto nella stanza dei giochi col fratello per entrare nel suo fantastico mondo fatto di eroi dove tutto era perfetto però, come di consueto, grida ed urla si infrangevano contro la sua Favola Personale, non solo quella immaginaria ma anche quella reale. Fu allora che il nostro piccolo protagonista prese una decisione. Si alzò lasciando la stanza del paradiso infantile dei giochi e percorse, con le sue piccole gambe, tutto il corridoio che lo separava dai genitori, che probabilmente credevano fosse sufficiente a non farsi sentire.

Il bambino ancora non lo sapeva, ma quello che stava per compiere si sarebbe rivelata un’Importante Magia, non solo per il presente ma per la Vita!

Arrivato nell’armeria, o meglio in cucina, si sedette sulle gambe della madre e sorrise al padre. Entrambi sorpresi smisero all’istante di litigare e finalmente il piccolo Eroe aveva ricreato la pace intorno a sé. Eppure questo non gli bastava! Sapeva che uscendo da quella stanza tutto sarebbe ricominciato e quindi, dopo qualche minuto, i suoi piccoli, grandi ed innocenti occhi si levarono verso la madre dicendo:

  • Bimbo: “mamma sai perché invece di giocare con mio fratello sono qui sulle tue ginocchia?!”
  • Mamma: “No, Amore, perché?”
  • Bimbo: “perché così almeno stasera tu e papà non litigate!!”

In quel momento il tempo si fermò. I genitori attoniti guardarono il figlio che con tanto candore aveva pronunciato parole così importanti e la prima a dar voce alle emozioni attraverso le lacrime fu proprio la madre, che lo abbracciò forte al petto senza dire nulla. Il padre reagì in modo diverso alzandosi ed andando in un’altra stanza, chissà forse per esprimere le sue emozioni in intimità.

L’armeria almeno per quella sera era distrutta, l’Amore aveva trionfato!

Non sapeva bene neanche lui cosa era successo, alla fine aveva semplicemente espresso il suo bisogno di essere Protetto e Amato ma, visto l’effetto che questo aveva generato, qualcosa cambiò in lui perché capì che invece di subire passivamente situazioni di paura e di dolore poteva portare il seme dell’Armonia. In quel momento fu come costruire un Nuovo Sogno per sé e per chi era intorno a lui, un Sogno pieno di Amore, Presenza, Accoglienza ed Abbracci. In qualche modo la favola del bambino era stata ricostruita. Fu allora che il nostro piccolo Eroe prese una decisione facendo una promessa solenne a se stesso: anche se non sapeva come, ma vedendo che era possibile, nella vita avrebbe messo il suo impegno per uscire ed aiutare ad uscire dai conflitti e ricreare l’Armonia intorno a sé. Forse non sarebbe stato facile, ci sarebbe voluto del tempo e magari di aiuto, ma aveva appena avuto la dimostrazione che era possibile.

Questa storia continua nel prossimo articolo, ma intanto ti confesso una cosa… ho dovuto fermarmi verso metà perché mi è partita una grande commozione da dentro. Ho celebrato questa emozione che conteneva anche del dolore, le ho permesso di liberarsi e trasformarsi in qualcosa di nuovo, perché quello che hai appena letto non è frutto della fantasia, ma ciò che mi è successo a quattro anni e che per la prima volta riesco a scrivere apertamente.

Immagina come potrebbe essere anche per te vivere la libertà di esprimere uno dei tuoi più grandi dolori in modo sentito e trasformare contemporaneamente tutto questo donandolo a chi potrà farsi ispirare, come te, da una simile esperienza, perché la strada per realizzare i Tuoi Sogni ha come chiave la Libertà di Essere ed Esprimersi.

Non dico sia facile ma quando lo farai anche la tua Vita farà un Clic Evolutivo.

Certo questo non è l’unico passo per Realizzare i tuoi Sogni e vivere una Vita da Favola, quella che hai sempre sognato e che la tua Anima vuole per te, ci sono altri aspetti da considerare che riguardano le Tre dimensioni dell’uomo che ho espresso e sintetizzato in tre colori:

  • Bianco: nel quale risiedono i tuoi Valori, Capacità Espresse e ciò che attiene all’Amore ed Armonia
  • Blu: nel quale trovi le tue ombre, drammi, paure, dolori ma anche i più grandi Talenti non ancora espressi, e le forme più profonde di Saggezza
  • Rosso: dove trovi i tuoi Interessi e Passioni, le Azioni Connesse e Pratiche e da cui scaturiscono i risultati della tua Vita

se non stai vivendo oggi il tuo Sogno Personale vuol dire, salvo eccezioni, che almeno uno di questi tre colori è “sbiadito” ha poco tono o è come assorbito dagli altri due o da uno dei tre, ma di tutto questo ne parleremo in modo più approfondito nel prossimo articolo.

Prima di salutarti ti invito a pensare, guardare o sentire qual è quella memoria che una volta integrata può renderti Libero o aiutarti a raggiungere più velocemente la tua Libertà.

Certo, Libertà è una parola che può significare tante cose. Con libertà non intendo fare ciò che ti pare infischiandotene degli altri, ma è più uno stato di liberazione dove alleggerisci te stesso in primis e riesci ad esprimerti meglio nella vita e verso gli altri. Non voglio darti suggerimenti per non influenzarti, per ora quello che arriva va bene. Non importa se è reale o una costruzione mentale, ciò che ti è arrivato ti stai dicendo qualcosa in questo momento che sia un’immagine, una sensazione o un suono.

Quello che ti arriva sarà tanto più reale e profondo quanto più, al suo ricordo, ti si aprono e vivi delle emozioni importanti.

  • Se questo non accade non preoccuparti e rimani sereno, al momento giusto arriverà, anzi ormai il seme è piantato quindi lascia che cresca da solo senza forzature. La cosa migliore è smettere di pensarci.
  • se invece ti sei vissuto, stai vivendo o vivrai un’emozione importante legata a questo ricordo, ti invito ad accogliere ciò che arriva senza giudizi, né cambiamenti.

N.B. In entrambi i casi ancora prima di cimentarsi in questo esercizio chiedere aiuto a qualcuno in carne ed ossa di cui ti fidi e che sai può guidarti, oltre che eventualmente alle tue guide, è caldamente consigliato perché certi cassetti della nostra vita non riusciamo a gestirli da soli. Visto che non sappiamo cosa troveremo all’interno una volta aperto, meglio proteggersi prima di fare mosse avventate. Io stesso la prima volta che ho riesumato l’antico e profondo ricordo che ti ho narrato, nel 2017, ero all’interno di un lavoro energetico, protetto e guidato  e la persona che conduceva l’esercizio era preparata a gestire il dolore che ne è emerso subito dopo. Quindi dai il giusto Valore a questo esercizio perché non è un gioco. Se non sai a chi rivolgerti puoi contattare anche me, però nel caso occorre che mi scrivi a  info@cristianmilone.com per prendere un appuntamento, perché gli impegni non mi mancano. 🙂

Intanto buona esperienza ed a presto per il prossimo articolo.

Cristian

6 commenti
    • admin
      admin dice:

      Ciao Rossella,
      grazie a te per la tua risposta. 🙂

      Cosa ne pensi dell’esercizio sull’individuazione del tuo ricordo chiave, stai riuscendo a farlo?
      Un abbraccio
      Cristian

      Rispondi
  1. Marica
    Marica dice:

    Grazie Cristian e’ particolarmente Toccante , profonda , tutti dovremmo imparare il significato dell’Amore ! Mi sono commossa ! 👏🙏🏻

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *