Colora la Tua Vita e Realizza i Tuoi Sogni

Rispondi d’istinto a queste due domande:

Che colore ha quest’anno per te?

Che colore vorresti che abbia?

Rispondi davvero a queste due domande prima di proseguire…

Ora, se hai dato la stessa risposta allora vuol dire che stai seguendo in modo soddisfacente ciò che il Cuore, anzi direi l’Anima vuole per te.

Se invece hai dato due risposte diverse allora è possibile che,

mentre gli occhi guardano in una direzione, i piedi ti portano da un’altra parte o, in generale, non ti senti soddisfatto rispetto a quello che stai facendo anche se sai ciò che vuoi.

In entrambi i casi non temere, tante persone oggi non sanno bene che pesci prendere o quali azioni fare per raggiungere ciò vogliono davvero.

Rientra in questo caso per esempio:

  • L’impiegata od operaio che non ama il suo lavoro
  • il libero professionista che ha scelto la sua professione ma che, dopo l’euforia iniziale, si sente incastrato dagli impegni lavorativi e crede di non avere tempo per fare altro,
  • chi in generale ama ciò che fa eppure sente che gli manca qualcosa, come se la vita gli stesse dicendo qualcosa che non riesce a cogliere
  • Chi vorrebbe di più dalla vita ma non sa come fare
  • Chi si sente incastrato in un presente che forse non ha del tutto scelto, ma non sa bene come migliorare la sua situazione
  • Chi, nonostante il successo che sta avendo, sente che c’è altro per lui nella vita

Per anni ho provato un po’ tutte queste sensazione in vari mome ti della mia vita e credevo che con la formazione adeguata avrei colmato quel senso di vuoto, insoddisfazione e insofferenza eppure pur avendo accumulato, seguito è applicato in 20 anni un numero considerevole di corsi (oltre 220) investendo circa 80000 euro, la sostanza non cambiava perché mi muovevo ancora un po’ a caso.

È occorso il viaggio in Messico del 2011 per capire che stavo guardando il problema dalla prospettiva sbagliata, perchè grazie a quella esperienza e le varie iniziazioni ho realizzato che non importava quanto fossi bravo a definire gli obiettivi, avere in testa la Visione del mio progetto a lungo termine, conoscere a memoria la scala dei miei Valori e avere tra le mani la tabella dei primi 5 Talenti. Non importava aver seguito 360 REF (simile alle costellazioni), aver indagato gli angoli più bui del mio inconscio, lavorato con: i sogni, la legge di attrazione, meditazione, bambino interiore, angeli, esoterismo, bioenergetica, sciamanesimo, tantra e ancora comunicazione, vendita, leadership, PNL, convinzioni, pianificazione e gestione finanziaria, passando per nutrizione e yoga e Kinesiologia.

Tutto utile, ma quello che mi serviva era altro, cioè:

prima di tutto chiedere al cuore

anzi all’Anima, quale melodia avrebbe voluto cantare, quale montagna scalare, quale parete pitturare… insomma hai capito, la prima cosa da fare era mettere le mani sul cuore e ascoltarmi profondamente, parlare con l’Anima e domandare a lei (quindi a me stesso) senza intermediari.

Non importa quanti corsi hai già fatto e quanta consapevolezza hai accumulato, invece conta ascoltare te stesso per Riconoscere qual è il prossimo Miglior passo da fare oggi.

Dove per miglior passo intendo la prossima azione che l’Anima vuole farti compiere per mettere un tassello in più nella Direzione della tua Missione.

Questa è la prima cosa da fare benché ai corsi non te lo dicono, anzi pochi parlano di cuore quando si tratta di desideri, obiettivi, aspirazioni e direzione, figuriamoci di Anima.

Perché? Da un lato perché sembra complicato già solo sapere di avere un’Anima, figuriamoci parlarci, dall’altro perché se tu sapessi esattamente cosa vuole la tua Anima non dico per la vita, ma almeno per i prossimi 12 mesi e sapessi anche il miglior passo da compiere per rispettare questo desiderio, non avresti bisogno di un corso né di leggere questo articolo. Quindi sono in pochi a prendersi la responsabilità di aprire certe porte e quasi mai accade quando il gruppo supera le 20 o 30 unità. Però è anche vero che anche chi lavora da tempo su di sé può trovare difficoltà ad ascoltarsi, così come capire cos’è meglio per la propria evoluzione ogni giorno.

Ci vorrebbe quindi qualcosa di più facile perché tutti, a prescindere dal grado di consapevolezza personale o familiarità al dialogo interno autentico riescano a chiudere il cerchio “dell’aiuto da casa” una volta aperto.

Se capissi che cosa voglio davvero senza sforzo, ma anzi divertendomi, quanto sarebbe più facile la mia vita?

Come fare? La risposta è ancora una volta semplice, attraverso il modo migliore che conosciamo per capire, apprendere, imparare è riconoscere: il gioco. Se poi si alternassero momenti di gioco al relax, momenti di riflessione all’incontro ed esplorazione del proprio corpo e di quello dell’altro, quanto saremmo più ricettivi ai messaggi che, già dentro di noi, non vedo l’ora di schiudersi alla coscienza?!

Nel 2013 ho portato in aula per la prima volta un evento che trattava questi temi rendendolo ad ogni edizione sempre più pratico e giocoso, sempre mantenendo vivi i tre principi di base per un’esperienza di verità con se stessi che sono:

  1. Come posso riconoscermi divertendomi?
  2. come posso esplorare me stesso alla giusta profondità (per ognuno diversa) sentendomi al sicuro e protetto?
  3. Come posso vivere il piacere di fare tutto questo?

Senza praticamente accorgermene siamo ormai alla settima edizione di

Colora la Tua Vita e realizza i tuoi Desideri

evento annuale il cui format cambia e si adatta di volta in volta al gruppo e ai tempi, nel rispetto dei tre principi citati.

Per questo 2020 Colora la Tua Vita si tinge di Rosa perché si terrà nel Week end di San Valentino e vedrà l’aggiunta di un aspetto importante. Grazie all’intervento di una maestra di tantra ascoltarai il tuo corpo e i tesori che custodisce attraverso il massaggio tantrico, un momento di coccola e amore dove possiamo rilassarci in un ambiente protetto e sacro, così da attingere delle risorse che forse neanche immaginavi e che ti accompagneranno tutto l’anno.

Vuoi vedere un estratto di Colora la Tua Vita?

Trovi qui sotto un video di pochi minuti che ti fa entrare subito nell’energia di questo evento. A me emoziona ogni volta che lo vedo.

Purtroppo la qualità audio/video è bassa e non sono più riuscito a recuperarlo per sistemarlo, per questo ti consiglio di concentrarti sul cuore del messaggio più che sul dettaglio grafico.

Dicembre 2013 – Prima edizione Colora la tua Vita

Questo è stata la prima edizione e come vedi le emozioni si sono sentite. Oltre questo quello che conta è ciò che i partecipanti hanno portare a casa dopo solo un giorno. Al di là di tutte le parole che posso spendere puoi ascoltare con le tue orecchie le varie testimonianze di chi ha voluto lasciare un feed back, edizione dopo edizione. Le trovi sul vecchio canale youtube pnlspiritualita sul quale ci sono ancora diversi video.

Che cos’è quindi Colora la Tua Vita? Te lo spiego nel dettaglio nel prossimo articolo, intanto ho creato l’evento su facebook di Colora la Tua Vita dove trovi una spiegazione sintetica e illustrata guardando nei commenti.

ultimi sette giorni sulla terra

 

Ieri lunedì 26 marzo ero ad una delle serate formative sul viaggio dell’eroe dove ad un certo punto ci fanno una domanda che non mi sarei mai aspettato perché profonda, potente ed evocativa. Guardandoci negli occhi Francesca, la trainer del gruppo, ci dice: “se aveste solo altri sette giorni da passare su questa terra, cosa fareste?!”.

Dopo un primo shock iniziale e qualche secondo di silenzio dove guardavamo il nostro vicino con occhio fisso tipo pesce palla, prendiamo la penna ed iniziamo a scrivere.

Ho scritto due pagine di cose che potrei davvero fare se questi fossero i miei ultimi sette giorni sulla terra, ma tra tutte quelle azioni una è spiccata in particolare sulle altre. Non però i soliti temi: viaggi, sesso, perdizione, visita a posti particolari, o meditazioni collettive, neanche stare tutto il tempo con le persone che amo, pur essendo nell’elenco, perché da un lato sarebbe prezioso e bello ma il tuotto si esaurirebbe una volta lasciato il corpo e comunque ci sarebbe attaccamento e dolore nell’aria.

Ho sentito invece la necessità, il desiderio, il Valore di Continua a leggere